Powered by

L’amministratore di sostegno e il Dopo di noi – WEBINAR 05 NOVEMBRE 2020

Webinar formativo

L’AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E IL DOPO DI NOI

Giovedì 05 novembre 2020

Presentazione Costi e PagamentiProgramma

L’amministrazione di sostegno è un istituto giuridico previsto per rappresentare legalmente una persona che, a causa di una infermità o di una menomazione psicofisica, non ha la capacità di curare se stessa ed amministrare i propri beni.

Si è rivelato negli anni come il provvedimento maggiormente utilizzato poiché, a differenza degli istituti giuridici dell’interdizione e dell’inabilitazione, si è rivelato più “flessibile”, rispettoso delle differenti esigenze delle persone e maggiormente snello nel procedimento.

La legge 6/2004 ha introdotto l’obbligo per i  responsabili degli enti sociali e sanitari di promuovere il ricorso per la nomina dell’A.d.S. quando sono a conoscenza di fatti tali che rendono opportuna una misura di protezione giuridica per la persona fragile.

L’Amministratore di Sostegno viene scelto dal Giudice Tutelare tra i familiari ma, quando ciò non è possibile, l’incarico può essere dato a soggetti esterni quali avvocati, notai, volontari, rappresentanti legali di Enti, Associazioni e Fondazioni.

L’attivazione del ricorso e la gestione del ruolo di A.d.S. sono compiti estremamente delicati, che comportano competenze specifiche e prevedono l’assunzione di responsabilità di rilievo.

Gli assistenti sociali debbono operare in sinergia con questa figura, spesso un avvocato, in situazioni complesse, che impongono scelte sulle abitudini di vita delle persone.

Il seminario propone alcune riflessioni sul tema anche in relazione alle situazioni più complesse di doppia diagnosi e il trattamento con persone che rifiutano le cure.

 

METODOLOGIA

Vengono presentati contributi teorici accompagnati da situazioni esplicative. Sarà possibile fare domande sia attraverso la chat che la prenotazione di conversazione.

 

OBIETTIVI FORMATIVI

Offrire una visione articolata del ruolo e dell’importanza dell’Amministratore di Sostegno offrendo anche spunti di riflessione e strumenti operativi che facilitano la collaborazione tra i diversi operatori in modo particolare nei confronti di soggetti con doppia diagnosi o che rifiutano le cure.

 

INFORMAZIONI

Il webinar, che verrà attivato con un numero minimo di 15 iscritti, si terrà giovedì 05 Novembre 2020 dalle 15:00 alle 18:00, alla presenza dei docenti sotto indicati, attraverso piattaforma Google Meet (in seguito all’iscrizione e al pagamento verranno inviate tutte le indicazioni per potersi collegare).

La quota per la partecipazione è di €40,00 onnicomprensivi.

Per la frequenza al corso sono stati richiesti al CROAS Lombardia i crediti formativi e per gli assistenti sociali al CFN i crediti per la formazione continua degli avvocati.

 

DOCENTI

Introduce i lavori il Dott. Giovanni Rollero, Presidente della Sezione Tutele del Tribunale di Milano.

Paola Loddo: esercita la professione forense a Milano esclusivamente in diritto delle persone, della famiglia e dei minori. E’ membro del Consiglio direttivo della Camera Minorile di Milano. Iscritta all’Aiaf (Associazione avvocati famiglia e minori). E’ curatrice e autrice del volume “L’amministratore di sostegno”, edito nel 2019 da Wolters Kluwer.

Claudia Maggio: psicoterapeuta della famiglia e della coppia, specializzata in neuropsicologia. E’ responsabile scientifica dei servizi riabilitativi e di reinserimento sociale per persone con Grave Cerebrolesione Acquisita di ProgettAzione. Negli ultimi anni, per il Gruppo IN, ha condotto progetti di ricerca scientifica riguardanti i pazienti con GCA,  doppia diagnosi e demenza. Ha inoltre lavorato alla definizione e costruzione di nuovi strumenti valutativi e riabilitativi per persone con GCA, disagio psichico e patologie dell’invecchiamento cerebrale.

Ilaria Mazzei: in Magistratura dal 2002, ha svolto il tirocinio come Uditore Giudiziario presso il Tribunale di Firenze; è stata Giudice del Lavoro presso il Tribunale di Agrigento e Giudice Penale presso il Tribunale di Milano. Attualmente svolge le funzioni di Giudice Tutelare presso la Sezione VIII civile del Tribunale di Milano, occupandosi prevalentemente della protezione di minori e soggetti deboli.

Elena Van Westerhout: assistente sociale , si é sempre occupata di fragilità soprattutto di persone con problemi di Salute Mentale nel Pubblico impiego e di formazione rispetto al tema dell’ empowerment di persone con disagio e famigliari. Ha collaborato con ADS sul campo sin dal nascere di questa figura.

E’ prevista la testimonianza della Sig.ra Maria Gorlani dell’Associazione Nazionale Familiari di persone con problemi di Salute Mentale – Abbraccialo per me

 

Il pagamento va effettuato con bonifico bancario, specificando il titolo del corso, da effettuarsi all’atto della conferma dell’iscrizione a:

Progettazione C. Sociale – BCC Sorisole e Lepreno, Bergamo – IT42A0886911102000000000143

L’ISCRIZIONE SARA’ CONSIDERATA VALIDA ALL’ATTO DEL PAGAMENTO E LA FATTURA SARA’ INVIATA SUCCESSIVAMENTE.

Per scaricare il programma del corso clicca qui: L’amministratore di sostegno e il dopo di noi

PER ISCRIVERSI AL CORSO:

Compilare il seguente modulo in tutte le sue parti.

Prima di procedere al pagamento della quota di partecipazione indicata, si chiede di attendere conferma tramite mail dell’effettiva realizzazione del corso per raggiungimento del numero minimo di partecipanti. In caso di impossibilità a partecipare, chiediamo cortesemente di avvisare tempestivamente, così da dare modo alle persone in lista d’attesa di usufruire del posto liberatosi.

ATTENZIONE: Vanno compilati tutti i campi, compresi tutti quelli relativi alla fatturazione, basta inserire un numero o una lettera altrimenti il portale non permette di concludere l’iscrizione.

Chi, una volta iscritto, non parteciperà al corso, consideri che:

– avvisando con almeno 7 giorni di anticipo, potrà usufruire della quota versata per partecipare ad un altro evento formativo di Progettazione scelto fra quelli di successiva programmazione;

– avvisando con meno di 7 giorni di anticipo, darà motivo a “Progettazione” di trattenere comunque la quota versata.

Richiedente

Provincia

Professione

Ente di appartenenza


Intestazione e C.F. o P.IVA per la fatturazione:




[/tab] [/tabs]
Share Button